10 PRODOTTI PER IL BAGNO

UNA CLASSIFICA PER L’ESTATE

Qui a Il mondo o niente amiamo prenderci cura dei vostri consumi culturali, ovunque voi siate: ecco allora una lista di dischi e libri che vi accompagneranno durante le vostre vacanze, tra i mari caraibici o sulla riviera romagnola.

 

Kendrick Lamar, Black Panther: The Album – Music from and Inspired By, Interscope, 2018, € 9,99

Pare che a Kendrick avessero chiesto solo un paio di tracce per la colonna sonora di Black Panther. Poi invece ha visto il film quasi ultimato e, preso dall’entusiasmo, ne ha fatto una colonna sonora parallela, in parte inclusa poi nel film. Il film ha suscitato eccitazione e polemiche, in Italia negli USA e nel Mondo. Questo disco ne è una degna resa sonora: la soundtrack del manifesto del nuovo orgoglio black, visionaria, attuale e sorprendente.

The Passanger. Islanda, Iperborea, luglio 2018, pp 176, € 18,90

Cercando di descrivere il progetto The Passanger a un certo punto ci si rende conto che la migliore definizione possibile è quella che si può leggere sul loro sito: più che di una rivista si tratterebbe di «un libro-magazine che raccoglie long read, inchieste, reportage letterari e saggi narrativi che formano il racconto della vita di un paese e dei suoi abitanti per capirne la cultura, i processi, le nuove identità, i discorsi, le questioni, i problemi, le ferite. Frammenti che insieme ne compongono il ritratto». Questo primo numero è dedicato all’Islanda e vi convincerà di aver sbagliato vacanza, a meno che non abbiate fatto rotta su Reykjavic.

Bruno Ballardini, Gesù lava più bianco. Ovvero come la chiesa inventò il marketing, Minimum Fax, 2000, pp. 180, € 15,00

Arrivato alla sua quinta edizione, questo libro di marketing religioso potrebbe sembrare a un primo sguardo una scelta poco estiva, ma senza dubbio, se non siete persone eccessivamente credenti, potreste farvi tante grasse risate nello scoprire come la prima vera griffe della storia fu proprio il cristianesimo. Bruno Ballardini con una certa ironia, ma anche con un evidente astio, vi trascinerà in un’analisi storica lucida e provocatoria sul cui fondo si nasconde qualcosa di irresistibilmente vero. Fateci sapere poi cosa sarebbe questa verità.

Mark Fisher, Realismo capitalista, Nero, 2018, pp. 156, € 13,00

Non ha molto senso girarci intorno: Realismo capitalista non è solo un libro da leggere, non è solo, in Italia, il libro dell’anno, ma rischia di essere il testo teorico della nostra generazione. Chi sia o sia stato, anche solo una volta, insofferente nei confronti di questo preteso tempo senza storia con ogni probabilità vi troverà una potentissima eco del proprio disagio: se è più facile pensare la fine del mondo che la fine del capitalismo, non è più possibile ignorare che l’ordine neoliberale ha esternalizzato dei costi altissimi, quantomeno nei termini del rapporto tra organizzazione della società e benessere mentale. Abbeverandosi a delle fonti ultra pop, Fisher tenta una ricognizione della logica culturale del nostro mondo, consegnandoci un testo potente e leggibilissimo, perfetto per l’ombrellone.

Umberto Eco, Il pendolo di Foulcault, Bompiani, 1988, pp. 704, € 13,00

Vorreste un bel romanzone in stile Dan Brown, con intrighi internazionali, segreti secolari o perché non millenari, simboli arcani, avventura, morte, amore, ma non avete il coraggio di leggerlo davanti ai vostri amici (o in realtà li avete già letti tutti)? Qui c’è da rispolverare un classico, ironico capostipite di qualsiasi Codice da Vinci o Angeli e demoni, che vi porterà a risolvere (o inventare) intricati misteri tra cabala, templari, rosacrociani e chi più ne ha più ne metta, e a rischiare la vita per l’umano piacere del complottismo, salvo poi rendervi conto di esserci cascati anche voi, come i meravigliosi protagonisti di questo splendido romanzo. Nel caso qualcuno ve lo chiedesse, voi state comunque leggendo Umberto Eco.

Vladimir Sorokin, La giornata di un Opricnik, Atmosphere Libri, 2014, pp. 170, € 15,00

Scrittore russo anti Putin che costruisce satire grottesche sul potere. Il romanzo è sufficientemente breve da rientrare nella categoria estiva, ma potrebbe essere anche un ottimo spunto per desiderare festini di vario genere, comprensivi di sesso, droga e rock’n’roll. Inoltre il suo stile dolcemente sovietico evita tristezze da gulag, per perdersi in scenari futuristici dalla lieve tendenza distopica. Niente di più gioioso per chi ama il potere.

Roberto Bolaño, I cani romantici, Sur, 2018, pp. 155, € 16,50

Secondo volume di poesie di Bolaño edito da Sur e come sempre Roberto il cileno, scappato in Messico, scappato in Spagna non delude le aspettative. Le poesie scritte in forma prosaica di Bolaño rappresentano una lettura piacevole e profonda, senza le astrazioni dei termini ricercati che tanto difficile e vuota talvolta rendono la poesia. Bello e seducente.

Gioconda Belli, La donna abitata, E/O, 1999, pp. 374, € 11,00

La nuova collana Cicogne di E/O, con le sue copertine rigide e sovracoperte colorate, in spiaggia è perfetta per darsi un certo tono – lievemente intellettuale, allegro ma non troppo. In particolare, La donna abitata, con uno stile viscerale elegante e coinvolgente vi porta nel clima tropicale del Nicaragua, a morire per delle idee ma non di morte lenta, a ricordarvi cosa voglia dire credere in qualcosa, a rivivere la lotta di una india contro gli invasori spagnoli attraverso i rami e i frutti di un rigoglioso albero di arance.

Antonello Venditti, Circo Massimo, Heinz Music, 1983, € 10,90

L’Antonello nazion… no, ricomincio: L’Antonello romano ha diversi dischi live nella propria bacheca, ma uno solo è il Primo. Questo. È quintessenziale e celebrativo, autoreferenziale e generalista, si ride, si piange, si accendono gli accendini, si urla a squarciagola anche se di Roma non si conosce neanche il nome di mezza strada. Perché si, sulla spiaggia si polleggia ascoltando Kendrick, ma ricordiamoci che il 14 di agosto sull’autostrada mentre al mare ci si sta andando qualche cosa ci si dovrà pur mettere, nelle nostre autoradio.

Christian Raimo, Ho 16 anni e sono fascista, Piemme, 2018, € 13,00

Forse ricorderete il reportage dedicato al neofascismo che Raimo scrisse per Internazionale, alcuni mesi fa. Questo volume ne è il compimento o, quantomeno, l’evoluzione: l’autore ha saputo arricchire quella che era già una ottima inchiesta giornalistica con tutti gli apparati concettuali necessari a comprendere la presa del fenomeno neofascista nella società italiana. Con una lucidità rara nell’attuale panorama culturale italiano, egli ci conduce attraverso un paesaggio a dir poco inquietante, fatto di razzismo, sessismo, culto della violenza e difesa di una pretesa “identità nazionale” dalla matrice essenzialista. Conviene essere attenti: questa roba si annida ovunque e probabilmente neppure quella spiaggia sperduta della Maremma dove cerchiamo riparo ne è immune.

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta

ilmondoniente Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *