Codici e segreti: un introduzione alla follia crittografica

Ferruccio Mazzanti

Simon Singh, Codici e segreti. La storia affascinante dei messaggi cifrati dall’antico Egitto a internet, Rizzoli 2001, pp. 414, € 9,35

La prima domanda che un lettore attento dovrebbe porsi è perché mai dovrebbe leggere un saggio generalista sulla crittografia la cui prima edizione risale al 1999, dato che negli ultimi venti anni nel settore ne sono successe di tutti i colori, con innovazioni che rendono ogni saggio sul tema una obsoleta perdita di tempo. Ma attenzione: a volte la crittografia potrebbe salvare le vostre relazioni amorose o amicizie di vario genere.

Innanzi tutto nel campo della crittografia il lettore medio anche più sveglio non ci capirà nulla anche se partisse dagli anni settanta o ottanta del novecento: si parla di matematica avanzata, numeri primi mescolati con chiavi pubbliche, protocolli, programmazione, rotazioni di un sedicesimo riflesse su downloadmicroscopici specchi che però non sono accessibili a tutti grazie a sofisticati giochi di numeri primi. A ben guardare già negli anni novanta la faccenda si fa così complessa, che il problema per una persona che non abbia studiato matematica si riduce alla privacy. Informarsi su quali siano i nostri diritti alla privacy e su come funzioni normativamente la nostra fantasiosa pretesa di non venir intercettati qualsiasi cosa si faccia su internet o su un nostro smartphone, rimane un tema attuale e ancora oggi accessibile, ma senza dubbio questo libro di Simon Singh affronta la tematica deontologica solo come contorno, lanciandosi invece in una splendida e chiarissima descrizione della storia di questa disciplina, a partire dal primo vero grande crittografo che fu Giulio Cesare.

Da Giulio Cesare si attraverserà l’epopea araba, per raggiungere Vigenère con la sua cifra indecrifrabile, che resse fino all’avvento di Babbage e Kasiski, splendide digressioni sui temi della traduzione di lingue morte come l’Egiziano antico (i geroglifici), il lineare B, esplodendo nel vero e proprio climax del saggio che è Enigma. Un libro oggettivamente divertente e facile, che non solo vi istruirà sulla scienza segreta che ha manipolato o indirizzato le vicende storiche degli ultimi due millenni, ma vi garantirà, con un piccolo sforzo in più, una nuova abilità: ovvero quella di creare delle scrittura segrete (a bassissimo livello di sicurezza).

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta

ilmondoniente Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *