Il rumore del tempo: silenzio

Ferruccio Mazzanti

Julian Barnes, Il rumore del tempo, Einaudi 2016, pp. 191, 18,50 €

Se aveste letto quel capolavoro che è Europe Central di William Vollmann, capireste come mai non ho potuto resistere di fronte a Il rumore del tempo di Julian Barnes. Se in Vollmann la vita di Šostakovič è descrita all’interno del vasto, monumentale, drammatico momento della Seconda Guerra Mondiale con un’intensità tale da far venire il capogiro ancora dopo anni dalla lettura, in Barnes si cerca di delineare il rapporto che uno dei più importanti compositori del ventesimo secolo ha intrattenuto col potere attraverso tre momenti chiave della sua vita: 1) quando lo interrogarono per scoprire se fosse o no un nemico del popolo, 2) quando Stalin gli telefonò per convincerlo ad andare in America a capo di una delegazione sovietica, 3) quando alla fine delle sua vita cedette e si iscrisse al partito comunista.
Per analizzare l’ironia, la genialità e l’opaca ambiguità di questo artista russo la scelta che Barnes compie è assolutamente giustificata, tuttavia ci ritroviamo di fronte più che ad un romanzo costruito su una premessa, uno svolgimento ed una conclusione, ci ritroviamo di fronte (dicevo) ad un affastellamento di riflessioni che l’autore 111013-Dimitri-Shostakovichcompie e che talvolta tenta di spacciare come discorso indiretto libero di Šostakovič stesso, di modo che alla fine più che una comprensione effettiva degli accadimenti o dei moti dell’animo delle persone coivolte ci ritroviamo tra le mani una elucubrazione sul rapporto tra potere ed estetica che a parole vorrebbe non sbatterci in faccia alcun giudizio, ma che di fatto, poi, osservando con più pazienza dietro al velo di neutralità che Barnes indossa, non fa che giudicare e prendere posizione. Non sarà suffciente la nota dell’autore alla fine del libro dove ci indica, nel caso non si sia rimasti soddisfatti della sua opera, un breve bibliografia per sopperire alla mancanza generale di mimesis e realismo di cui Il rumore del tempo soffre.

Articoli recenti

Commenti recenti

    Archivi

    Categorie

    Meta

    ilmondoniente Written by:

    Be First to Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *